Turismo accessibile per tutti

Stazione “Dante” – metropolitana Linea 1

Pubblicato da il Gennaio 30, 2015 in | Commenti disabilitati su Stazione “Dante” – metropolitana Linea 1

Stazione “Dante” – metropolitana Linea 1
Piazza Dante Alighieri, Napoli
Gli utenti hanno giudicato questo posto
Orario : vedere sito anm
Struttura dell'edificio : stazione su 4 livelli
Sito web : www.anm.it
Contatti :
Rilevato da: Miriam Guitto
La stazione "Dante" è una stazione della linea 1 della metropolitana di Napoli, ubicata nell'omonima piazza. Progettata dall'architetto Gae Aulenti, la fermata fa parte del circuito delle stazioni dell'arte. L'ingresso per i disabili avviene grazie ad un ascensore collocato nella piazza, che conduce al primo piano interrato, dove sono la biglietteria e le obliteratrici. Un secondo ascensore, collocato pochi metri dopo l'ingresso consente di arrivare alle banchine dei treni. Gli ascensori sono dotati di bottoniere facilmente raggiungibili, caratteri in rilievo e braille. I percorsi sono guidati da loges e segnaletica direzionale. Il vero problema della stazione (che purtroppo accomuna tutte le stazioni della linea 1), è la presenza di un dislivello di circa 10 cm tra l'altezza del vagone e la banchina, che gli addetti ai lavori definiscono "fisiologico". Questo dislivello rende, purtroppo,  necessario l'intervento del personale della stazione, che deve aiutare i passeggeri in sedia a rotelle a salire sul vagone. Si consiglia , quindi, all'arrivo in ogni stazione di sollecitare l'intervento del personale (laddove possibile) per facilitare queste operazioni. Tuttavia non si comprende come il passeggero disabile possa poi scendere dal vagone, visto che il personale non può accompagnarlo durante tutto il viaggio! Al primo vagone è presente un gancio per ancorare la sedia a rotelle ed evitare il movimento causato dalla frenata del mezzo. Nei pressi della piazza sono presenti due parcheggi riservati ai disabili (all'incrocio con via Bellini, a circa 100 m dall'ingresso della stazione). L'uso degli ascensori non consente la fruizione delle opere di arte contemporanea che sono allestite durante il percorso (Kounellis, De Maria, Alfano). L' opera che si riesce ad intravedere utilizzando gli ascensori è Queste cose visibili, di Joseph Kosuth, un lungo neon che riporta, proprio al di sopra delle prime scale mobili, un brano del Convivio scritto da Dante.

Informazioni generali, modalità di accoglienza e sicurezzavedi dettagli

Materiali informativivedi dettagli

Area pubblica circostante l'eserciziovedi dettagli

Area esterna antistante l'ingressovedi dettagli

Ingresso (soglia, porta ed hall)vedi dettagli

Percorsi interni verticalivedi dettagli

Percorsi interni orizzontalivedi dettagli

Struttura multifunzionalevedi dettagli

Servizi igienici pubblicivedi dettagli

Accesso ai mezzivedi dettagli